Riflessione su “Il calderone nero” de “Le cronache di Prydain” di Lloyd Alexander

LIBRI

Cari lettori,
ecco la recensione de “Il calderone nero”, secondo capitolo de “Le cronache di Prydain” di Lloyd Alexander.

Il romanzo narra di una nuova e pericolosa avventura che vede coinvolti il giovane porcaro Taran ed i suoi compagni: affiancare i guerrieri del principe Gwydion sino ad Annuvin, la roccaforte del Male, per sottrarre al crudele Arawn il Calderone Nero, un ordigno demoniaco grazie al quale egli ridà la vita ai morti per trasformarli nei suoi guerrieri immortali.

Continua la saga con le avventure del giovane protagonista, che cresce sempre più con il passare delle pagine, come un vero e proprio romanzo di formazione a puntate. Molto interessanti i nuovi personaggi, caratterizzati in maniera perfetta dal punto di vista psicologico. La storia continua ad essere tipicamente tolkeniana, niente di originale e di nuovo, ma comunque ben raccontato e scritto, coinvolgente il giusto e con buoni ritmi. Resta pur sempre un libro per bambini e i toni non si scostano molto da essi.

BL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...