Riflessione su “La strega” di Camilla Lackberg

LIBRI

Cari lettori,
rieccoci con Camilla Lackberg e il suo “La strega”.

Un efferato omicidio colpisce la tranquilla cittadina svedese di Fjällbacka: la piccola Stella viene trovata senza vita ed ogni indizio sembra condurre alle due tredicenni Helen e Marie. Giudicate colpevoli, le due ragazze vengono separate: Marie finisce in una famiglia affidataria, mentre Helen tornerà dalla sua famiglia e presto si sposerà con il marine James. Trent’anni dopo Marie, diventata una famosa attrice, torna a Fjällbacka per le riprese del suo nuovo film e la storia di trent’anni addietro si ripete, perché proprio al suo arrivo un nuovo caso sconvolgente viene alla luce: il corpo della piccola Linnea viene trovato nel bosco. Le indagini si susseguono in una fitta ragnatela di oscuri segreti, menzogne e inganni.

È l’ennesimo capolavoro della Lackberg! Ancora non riesco a capire come riesca sempre a costruire storie così coinvolgenti attraverso un mix perfetto di scrittura, trame suddivise in diversi archi temporali strettamente collegate tra di loro e una perfetta caratterizzazione psicologica dei personaggi. Proprio i personaggi, quelli cattivi, sono il deus ex machina e i migliori, perché hanno un background assolutamente drammatico, che li rende umani nella loro realtà in bilico tra il bianco e il nero, un grigio che può scurirsi o chiarirsi con l’evolversi degli eventi. Bene anche i soliti protagonisti, che non deludono nella loro crescita personale, sia per ciò che concerne la storia generale sia per quella ovviamente di questo singolo libro, non risultando mai ripetitivi.

BL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...