Riflessione su “L’uomo di neve” di Jo Nesbo

LIBRI

Cari lettori,
ecco la recensione su “L’uomo di neve” di Jo Nesbo.

Ad Oslo cade la prima neve dell’anno e come sta succedendo nello stesso periodo da molti anni una donna sposata e con un figlio scompare. Harry Hole viene incaricato delle indagini perché si sospetta la presenza di un serial killer. La presenza di pupazzi di neve che indicano le case delle donne scomparse è però più frequente rispetto agli ultimi venti anni.

Premetto che non ho visto il film, ma proprio la presenza della trasposizione cinematografica aveva accresciuto le mie attese. E, devo essere sincero, non sono state deluse, visto che si tratta di uno dei migliori libri dello scrittore norvegese, che continua a puntare, oltre che sul protagonista, una sorta di anti eroe per antonomasia, anche e soprattutto sulla storia, costruita attorno a trame davvero incredibili. La scrittura scivola via che è un piacere, grazie alla capacità di descrizione dell’ambiente e degli eventi con grande precisione, ma lasciando comunque spazio alla libertà di pensiero del lettore, facilmente coinvolto grazie alla suspense e ai colpi di scena continui fino ad un finale meraviglioso.

BL

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...